Attualità

La foto che è denuncia

Napoli,tredicenne aggredito; i genitori postano la foto su facebook

Il 17 Marzo a Mugnano, un paese alle porte di Napoli, Fabio – un ragazzo di 13 anni – è stato aggredito da 5 ragazzini, probabilmente suoi coetanei mentre tornava a casa da scuola. Il giovane è stato prima offeso verbalmente e poi preso a schiaffi e pugni, senza un apparente motivo. Fortunatamente le sue
Continua a leggere

MORS TUA VITA MEA

Indagato per omicidio volontario il ristoratore che, nella notte di giovedì scorso, ha ucciso un ladro nel suo ristorante

Erano circa le tre e trenta quando il gruppo di rapinatori ha fatto irruzione nell’osteria-tabaccheria del sig. Mario Cattaneo. L’imprenditore non ci ha pensato due volte; ha immediatamente preso il fucile da caccia, legalmente custodito, e ha sparato. Uno dei ladri viene colpito alla schiena e muore dissanguato a pochi metri dal locale durante la fuga.
Continua a leggere

DISABILI, NON CRETINI!

Una triste storia di disabili lasciati senza alcun aiuto economico e lo scandalo che ha sconvolto la Sicilia

Un recente rapporto dell’ASP (Azienda Sanitaria Provinciale) di Palermo, consegnata al governatore Rosario Crocetta – che aveva chiesto alle aziende sanitarie di verificare i tabulati sul numero dei disabili gravissimi in possesso dell’assessorato regionale alla Famiglia – ha evidenziato dati falsi e gonfiati. Si è scoperto che persino i morti continuavano a beneficiare di assistenza
Continua a leggere

L’ITALIA CHE VIOLA I DIRITTI UMANI, NUOVA CONDANNA DA STRASBURGO

La sentenza della Corte Di Strasburgo ha condannato l’Italia per la violazione contemporanea di tre articoli della Convenzione Europea dei diritti umani, in merito alla gestione di un caso di maltrattamenti in famiglia avvenuto cinque anni fa. La vicenda, più volte denunciata, sfociò poi nell’omicidio di una delle vittime

Per i giudici di Strasburgo della Corte Europea dei diritti umani, il nostro Paese ha violato più di una norma della Convenzione Europea CEDU, nella gestione dei tempi di intervento e sostegno ad una vittima di reiterati maltrattamenti, tutti subiti in ambito familiare. La concreta gestione della vicenda da parte delle autorità di polizia avrebbe
Continua a leggere

Fine vita, mai

La morte in una clinica svizzera di Fabiano Antoniani, in arte dj Fabo, da anni cieco e tetraplegico a seguito di un incidente stradale, mette di nuovo sotto accusa il parlamento italiano. Qui da noi, ancora nessuna legge sull'eutanasia...

È dovuto andare fino in Svizzera, per mordere un tasto e morire. Fabiano Antoniani, in arte dj Fabo, 40 anni compiuti lo scorso 9 febbraio, appassionato di musica elettronica e di motocross, amava viaggiare, aveva molti amici, una fidanzata, l’India nel cuore e ultimamente un pensiero fisso: morire. La sua morte nella clinica Dignitas in
Continua a leggere

Editorialiopinioni a 360°

Un’Italia a due velocità

Riflessioni durante un viaggio in treno

Treno Alta Velocità Freccia Argento 8303 delle ore 8.05, in partenza da Termini e diretto a Lecce. Il treno fermerà a: Caserta, Benevento, Foggia, Barletta, Bari Centrale, Brindisi. Salgo e trovo il mio posto, per fortuna ho prenotato in anticipo e sono riuscito a prendere il singolo. Il vagone è strapieno di valigie, occupano tutto
Continua a leggere

“Don’t stop believin’ “ in questa calda estate

"Don't stop believin' " una canzone come colonna sonora delle vacanze. Ed un’estate piena di buoni propositi

Ci sono canzoni che rimangono incise nel cuore, oltre che nei dischi. Brani che faranno da sottofondo, come una colonna sonora ai nostri ricordi. Sono abbastanza convinto che i “Journey” quando nel 1981 scrissero “Don’t Stop believin’ “ non pensassero a quello che sarebbe successo anni dopo. Inciso: ho una piccola preferenza, la versione originale
Continua a leggere

Dell’amore e del silenzio

Riflessioni sulla strage di Orlando

Non tutte le stragi sono uguali a quanto pare. Questo si era già capito guardando le diverse reazioni agli attacchi di Parigi e a quelli di Ankara. Ciò che c’è di nuovo è che abbiamo capito che quello che differenzia una tragedia da un’altra non è la vicinanza geografica o culturale tra il nostro paese
Continua a leggere

Cult

Musica leggera per giorni inquieti: i Baustelle all’Auditorium

Il concerto di ieri sera dei Baustelle all'Auditorium, per i quali la guerra non è ancora finita e l'orrore avanza tra i disequilibri dell'anima e internazionali.

“Build the modern chansonnier!” finiva così Il musichiere 999, traccia che chiudeva Sussidiario illustrato della giovinezza, album d’esordio dei Baustelle. Correva, appunto, il 1999. Il nuovo millennio ci veniva incontro e non temevamo che le vorticose voglie di allora sarebbero poi finite annegate nelle disillusioni di questi anni scricchiolanti, nuova belle époque post-moderna, in cui
Continua a leggere

Indie’s Post #8: Gazzelle

Il “sexy pop” di Gazzelle, novità dell’indie italiano

Era solo questione di tempo prima che la scena indie entrasse in contatto con un genere altrettanto “indipendente”: il vaporwave. Per chi non lo conoscesse, il vaporwave è uno stile volto esteticamente a richiamare il mondo digitale e pubblicitario degli anni Novanta, soprattutto quello giapponese, che vede prevalere l’utilizzo di colori come il fucsia e
Continua a leggere

Indie’s Post #7: Le luci della centrale elettrica

Un giro tra le luci spente di una centrale elettrica che cade a pezzi

È possibile presentarsi su un palco senza nulla da dire, dirlo in modo pessimo e aggiudicarsi premi e seguito? Se me lo avessero chiesto prima del 2011 avrei risposto di no, facendo riferimento a una qualche meritocrazia musicale che premia chi davvero è in grado di trasmettere un messaggio. Ma, purtroppo, è stato proprio quell’anno
Continua a leggere