Attualità

Alle leggi italiane piace cambiare

Alla fine del mese la variegata -sarebbe meglio dire variopinta, lo so- maggioranza di governo procederà al taglio del numero dei parlamentari. Che se il provvedimento passerà saranno, dalla prossima legislatura, 345 in meno. Il provvedimento, infatti, passerà. Convinti come sono tutti gli attori in campo che sarebbe un modo -non so se un buon modo-
Continua a leggere

Il crepuscolo degli idoli sovranisti

Prima Salvini, poi Johnson, ora Trump. A quanto pare, sembrerebbe che l’onda dei sovranismi, paventata come inarrestabile dai critici e dagli esperti, abbia perso la sua forza e si sia rotta prima del tempo. Uno dopo l’altro, i grandi leader del “Prima la nostra Nazione”, che tanto facevano paura all’Europa e al mondo, sono caduti
Continua a leggere

La struttura alare del governo giallo-rosso

La caduta (del governo giallo-verde), la scissione (del nuovo governo), le prospettive dell’Italia.

Quando senti il colpo è già tardi. Il primo tonfo è stato quello del governo giallo-verde che cadeva. Un esito per la verità già anticipato, più che dal voto contrario su Tav, dall’elezione di Ursula Von der Leyen a capo della nuova commissione europea, sostenuta dai cinque stelle e dal partito democratico, ma non dalla Lega. Che
Continua a leggere

I casi “SeaWatch3” e “Cerciello-Rega”: strumenti della propaganda ideologica in Italia

Dopo un anno passato a correggere, formattare e pubblicare articoli altrui, negli ultimi giorni ho sentito l’irrefrenabile bisogno di esprimere anche la mia opinione su alcuni fatti di cronaca che, benché non collegati, possono dirsi in realtà legati da un filo rosso dato dalla diffusa distorsione dei fatti che vengono, in alcuni casi quasi magicamente,
Continua a leggere

LA GUERRA DEL XXI SECOLO: STRATEGIE EUROPEE

Il terrorismo è, oggi, uno dei temi più discussi in materia di politica estera. Gran parte degli Stati nazionali da sempre lo contrasta in maniera ostinata per tutelare la libertà individuale, tentando di distruggere quella paura che ci vorrebbe schiavi di sistemi perversi e punitivi all’interno della democrazia. Il terrorismo di matrice jihadista ha iniziato
Continua a leggere

Taiwan val bene una guerra

Fino a non molto tempo fa le ingerenze americane nelle questioni del Mondo venivano affrontate (o meglio, sopportate) dalla quasi totalità delle altre nazioni con un atteggiamento di tediosa seccatura, come un contadino è costretto a sopportare un periodo di tempo cattivo. Qualcosa di tanto fastidioso quanto naturale e, soprattutto, inevitabile. Oggi la situazione appare
Continua a leggere

Editorialiopinioni a 360°

Dalla parte di Feltri

“Mi consolerò pensando che Montalbano non mi romperà più i coglioni. Basta, mi ha stancato”. Il direttore di “Libero”, Vittorio Feltri, non è di certo noto per la sua indole moderata. E non perde, ancora una volta, l’occasione per far indignare l’opinione pubblica. Infatti, mentre l’intero Paese piange per le condizioni critiche di un letterato illustre
Continua a leggere

Con gli occhi di Mike Kearney

La commovente storia del tifoso ipovedente del Liverpool diventa metafora delle piccole ma fondamentali gioie della vita

Liverpool, 11 dicembre 2018. Presso lo stadio “Anfield”, la squadra di casa è alle prese con il Napoli per l’ultima, decisiva partita del girone di Champions League. Al 34’ gli inglesi passano in vantaggio grazie al loro fuoriclasse egiziano, Mohamed Salah. Per evitare fraintendimenti, a questo punto è meglio chiarire che no, questo non è
Continua a leggere

Cult

Hollywood secondo Quentin

Tarantino ama il cinema. Ogni cosa in “C’era una volta a Hollywood” è una chiara dimostrazione d’amore nei confronti della settima arte. Steve McQueen che fuma una sigaretta alla sua maniera. Bruce Lee che combatte con la sua caratteristica canottiera. Il western all’italiana, i vecchi polizieschi, il cinema di serie B. Per molti grandi registi
Continua a leggere

La chiave dell’anima

“Non sono un assassino”, sussurra il vicequestore Francesco Prencipe (Riccardo Scamarcio) nell’orecchio del personaggio interpretato da Claudia Gerini, ovvero il pubblico ministero incaricato di scoprire se, effettivamente, Prencipe è colpevole oppure innocente. Se è un assassino o se non lo è. Lo spettatore, dal canto suo, ha un compito non meno complicato, e cioè ricostruire
Continua a leggere