Attualità

Taiwan val bene una guerra

Fino a non molto tempo fa le ingerenze americane nelle questioni del Mondo venivano affrontate (o meglio, sopportate) dalla quasi totalità delle altre nazioni con un atteggiamento di tediosa seccatura, come un contadino è costretto a sopportare un periodo di tempo cattivo. Qualcosa di tanto fastidioso quanto naturale e, soprattutto, inevitabile. Oggi la situazione appare
Continua a leggere

Cannabis light

Non è certo l’unico tema che divide una maggioranza tenuta insieme con la Vynavil, da un contratto di interessi -quelli degli italiani?-. Ma vale comunque la pena di parlarne. Parliamone. Di Cannabis Light. Dove, a norma della legge 242/2016, la differenza fra lecito e illecito sta, appunto, nella quantità di Thc presente nella pianta. Con
Continua a leggere

Dalla parte di Feltri

“Mi consolerò pensando che Montalbano non mi romperà più i coglioni. Basta, mi ha stancato”. Il direttore di “Libero”, Vittorio Feltri, non è di certo noto per la sua indole moderata. E non perde, ancora una volta, l’occasione per far indignare l’opinione pubblica. Infatti, mentre l’intero Paese piange per le condizioni critiche di un letterato illustre
Continua a leggere

Scuola di Politiche (e non solo!)

Lente lente currite equi nocti. C’è tempo solo fino alla mezzanotte del 15 Giugno. Ma come per cosa!. Per presentare la propria candidatura al Corso Annuale 2020 e alla nuova edizione della Summer School “Italia Mondiale” di Scuola di politiche. La Scuola, fondata da Enrico Letta nel 2015 e guidata dal direttore Marco Meloni, ha
Continua a leggere

Editorialiopinioni a 360°

Dalla parte di Feltri

“Mi consolerò pensando che Montalbano non mi romperà più i coglioni. Basta, mi ha stancato”. Il direttore di “Libero”, Vittorio Feltri, non è di certo noto per la sua indole moderata. E non perde, ancora una volta, l’occasione per far indignare l’opinione pubblica. Infatti, mentre l’intero Paese piange per le condizioni critiche di un letterato illustre
Continua a leggere

Plastica e Futuro

In un mare di rifiuti una speranza all’orizzonte

Qualche tempo fa ho partecipato alla Global March for the Future che si è tenuta a Verona, come in altre centinaia di città in 40 stati in tutto il mondo per protestare contro “gli adulti che con la loro poca considerazione ci stanno rubando la terra e il futuro”. Tornata a casa ho acceso la
Continua a leggere

Con gli occhi di Mike Kearney

La commovente storia del tifoso ipovedente del Liverpool diventa metafora delle piccole ma fondamentali gioie della vita

Liverpool, 11 dicembre 2018. Presso lo stadio “Anfield”, la squadra di casa è alle prese con il Napoli per l’ultima, decisiva partita del girone di Champions League. Al 34’ gli inglesi passano in vantaggio grazie al loro fuoriclasse egiziano, Mohamed Salah. Per evitare fraintendimenti, a questo punto è meglio chiarire che no, questo non è
Continua a leggere

Cult

“La chiave dell’anima”

“Non sono un assassino”, sussurra il vicequestore Francesco Prencipe (Riccardo Scamarcio) nell’orecchio del personaggio interpretato da Claudia Gerini, ovvero il pubblico ministero incaricato di scoprire se, effettivamente, Prencipe è colpevole oppure innocente. Se è un assassino o se non lo è. Lo spettatore, dal canto suo, ha un compito non meno complicato, e cioè ricostruire
Continua a leggere

Primavera

'Ore, caffè, e Tramonti'

Chiudo lo sportello della macchina un’altra volta. Rimetto le chiavi in tasca, premendo la chiusura. Controllo il cellulare quasi scarico. Nessuna chiamata, nessuna notifica neanche oggi. Nell’indifferenza più totale, metto un piede dietro l’altro alla ricerca della strada giusta. Forse l’aver parcheggiato troppo lontano mi ha fatto perdere l’orientamento. Forse l’aver perso il mio passato
Continua a leggere

L’altra faccia di Orson Welles

È su Netflix “The other side of the Wind”, opera postuma del genio Orson Welles

“Sentite, qualunque cosa dovesse succedermi, voglio che mi promettiate che porterete a termine il film per me” disse una volta Orson Welles. “Orson, non dire così, non ti capiterà un bel niente. Finirai il tuo film” replicò Peter Bogdanovich. “Lo so. Ma se dovesse succedermi qualcosa, mi promettete di finirlo?”. Lo guardava fisso negli occhi.
Continua a leggere