Posts byRomana Angeloni

Il nuovo volto della Turchia: il popolo ha detto “evet” al presidenzialismo di Erdogan

In un Paese dove vengono ormai da anni soffocati il dissenso e i diritti umani, il popolo turco ha dato il via libera alle riforme costituzionali di Ankara che esautorano il parlamento e accentrano i poteri nelle mani del presidente

L’ hanno chiamata ‘vittoria di misura’, sul filo di lana. Nonostante la percentuale – tutt’altro che schiacciante – del solo 51,3% dei consensi, il Sì popolare alle riforme costituzionali varate dal governo di Ankara consegna ormai definitivamente, e in forme più che legali, i pieni poteri nelle mani di un solo uomo. Recep Tayyip Erdogan
Continua a leggere

Il diavolo veste python: la moda giovane di Ivano Triolo

Intervista all'emergente stilista di origini siciliane che ha vestito alcuni dei più noti artisti del panorama musicale italiano

Ivano Triolo è giovane, ambizioso, determinato ma anche misurato, consapevole. Come la sua moda. Trentacinque anni di tratti decisi e mediterranei, di origini siciliane, oggi lanciato stilista d’adozione e formazione milanese, si diploma nel 2009 all’Istituto Marangoni di Milano, e dopo un’indimenticabile esperienza presso la famosa Maison di Luciano Soprani, che gli permette di mettersi
Continua a leggere

L’ITALIA CHE VIOLA I DIRITTI UMANI, NUOVA CONDANNA DA STRASBURGO

La sentenza della Corte Di Strasburgo ha condannato l’Italia per la violazione contemporanea di tre articoli della Convenzione Europea dei diritti umani, in merito alla gestione di un caso di maltrattamenti in famiglia avvenuto cinque anni fa. La vicenda, più volte denunciata, sfociò poi nell’omicidio di una delle vittime

Per i giudici di Strasburgo della Corte Europea dei diritti umani, il nostro Paese ha violato più di una norma della Convenzione Europea CEDU, nella gestione dei tempi di intervento e sostegno ad una vittima di reiterati maltrattamenti, tutti subiti in ambito familiare. La concreta gestione della vicenda da parte delle autorità di polizia avrebbe
Continua a leggere

Fine vita, mai

La morte in una clinica svizzera di Fabiano Antoniani, in arte dj Fabo, da anni cieco e tetraplegico a seguito di un incidente stradale, mette di nuovo sotto accusa il parlamento italiano. Qui da noi, ancora nessuna legge sull'eutanasia...

È dovuto andare fino in Svizzera, per mordere un tasto e morire. Fabiano Antoniani, in arte dj Fabo, 40 anni compiuti lo scorso 9 febbraio, appassionato di musica elettronica e di motocross, amava viaggiare, aveva molti amici, una fidanzata, l’India nel cuore e ultimamente un pensiero fisso: morire. La sua morte nella clinica Dignitas in
Continua a leggere

DETENZIONE RADICALE, ALLAH TRA LE SBARRE

Tra la microcriminalità e la detenzione in carcere, ecco come, dopo la droga e le armi, si sarebbero radicalizzati i terroristi responsabili degli ultimi attacchi al cuore dell'Europa

A seguito dei recenti attentati terroristici avvenuti in alcune note città europee, tutti rivendicati dall’ISIS e tutti organizzati all’ombra impenetrabile di una società sommersa, in cui persino la migliore intelligence europea si è dimostrata incapace di arrivare per tempo, emerge drammatica una domanda nelle menti di tutti noi: Chi sono i terroristi, da dove vengono,
Continua a leggere

Hasta la victoria, nunca mas: muore all’età di 90 anni Fidel Castro

L'ex Presidente della Repubblica Cubana aveva lasciato da anni il potere al fratello Raul. Leader e protagonista della rivoluzione cubana, ha visto 11 presidenze USA, conservando il potere per quasi 50 anni.

L’Avana. Sono da poco trascorse le 23 ore locali. Raul Castro, Presidente della Repubblica Cubana prende la parola in diretta TV statale e spiega i motivi della decisione di comparire al cospetto del popolo cubano. Più che l’annuncio della morte di un fratello, quel fratello che dal 2008 gli ha, non senza difficoltà, affidato in
Continua a leggere

Incubo Fukushima: il Giappone si sveglia in allarme tsunami

Violenta scossa di terremoto di magnitudo 7.4 al largo di Fukushima. L'allarme tsunami: previste onde anomale fino a 3 metri.

Allarme tsunami in Giappone con previsione di onde fino a 3 metri di altezza, dopo un terremoto di magnitudo 7.4 registrato un minuto prima delle 22 ore italiane, 6 del mattino locali. L’epicentro è stato immediatamente identificato in mare a circa 60 km a largo di Iwaki, ad una profondità di 11 km sotto i
Continua a leggere

Aborto, ego te absolvo: il perdono dei sacerdoti argentini

Con l'ultima Lettera Apostolica che chiude il Giubileo della Misericordia, Papa Francesco estende la remissione dal peccato di aborto a tutti i sacerdoti del mondo. Anche a quelli dei paesi sudamericani, dove l'aborto è ancora reato.

Papa Francesco, che rivoluziona la Chiesa. Gli basta una sola frase. E il gesuita buono spazza via anni, diciamo pure secoli, di condanne, veti, divieti, negazioni che dir si voglia. O magari, semplicemente, facilita le cose. Con la Lettera Apostolica Misericordia et Misere, il Santo Padre ha infatti esteso a tutti i sacerdoti la facoltà
Continua a leggere

REFERENDUM? COSA CAMBIA, COME VOTI

Il prossimo referendum costituzionale spiegato in sintesi

Il nostro Presidente del Consiglio Matteo Renzi lo ha annunciato lo scorso 26 settembre. Abbiamo una nuova data. Il prossimo 4 dicembre, gli italiani potranno considerarsi ufficialmente convocati in cabina per decidere se approvare o respingere in toto la riforma del testo della nostra Costituzione così come disegnata dal ddl Boschi-Renzi e già approvata dal
Continua a leggere

Caso Cucchi, la perizia Introna: epilessia, ma c’è anche la frattura mortale

Per Ilaria Cucchi il dottor Introna riconosce anche l'esistenza di una frattura chiave per eventuale futuro processo per omicidio preterintenzionale a carico degli stessi imputati

Quando il medico legale si avvicina al tavolo in acciaio freddo, trova un cadavere scheletrico di cui riesce a contare persino le ossa. Una ad una. E In effetti, a guardarlo ridotto così – poco più di 36 chili per un metro e 76 di altezza, il corpo interamente martoriato da ecchimosi ed ematomi, la
Continua a leggere

L’amore di Vittorio Sgarbi

Trasferta di una figa metafisica con il noto intellettuale, scrittore e critico d'arte alla fiera annuale dell'antiquariato di Parma

La mia idea era quella di intervistarlo sulla gestione del patrimonio artistico italiano negli ultimi dieci anni e, dopo qualche domanda, tornarmene a casa ad intervista ultimata, da rivedere e confezionare per il giornale 360. Ovviamente, non è andata così. Sgarbi è eclettico, travolgente, acuto, curioso ed energico, geniale e allo stesso tempo estremamente complesso,
Continua a leggere

Roma verso le elezioni

La collezione primaverile dei candidati al ruolo di Sindaco della Capitale

Per questa primavera, Roma indossa manifesti. I colori sono più o meno sempre gli stessi, davvero poche le novità stagionali nella corsa al primo scranno sulla passerella delle comunali capitoline. In effetti nella rosa dei candidati avremmo potuto trovare volti nuovi davvero, nuovi che poco o nulla si sa di loro, nuovi che almeno su
Continua a leggere

Rudy Guède, detenuto di prima classe

La nota giornalista televisiva ha intervistato Rudy Guède, condannato per concorso nell'omicidio di Meredith Kercher e attualmente detenuto nel carcere di Viterbo, tracciandone un profilo teso a colpire il cuore degli italiani

Qualsiasi imputato attraversa idealmente tre gradi di giudizio. Tribunale, Cote d’Appello e Cassazione. Vale per tutti. Può succedere poi che la Corte Suprema rimetta le carte nelle mani di un altra Corte D’Appello, instaurando così quello che volgarmente viene definito processo-bis. Così è accaduto ai due imputati Amanda Knox e Raffaele Sollecito, gli studenti di
Continua a leggere

Nel nome del Padre, Madonne che si inchinano alle mafie.

Dalla processione di Oppido Mamertina a quella di Paternò, passando per i funerali dei Casamonica, la religiosità sembra restare una forma di legittimazione importante per i clan locali.

Se è vero che il mafioso non è più solamente coppola e lupara, è altrettanto vero che certe vecchie tradizioni hanno dimostrato di restare care a certa criminalità organizzata: la messa della Domenica, la cerimonia, il rito, la processione. A distanza di poco tempo infatti, in almeno due occasioni abbiamo di recente letto con stupore
Continua a leggere

Caso Martinelli: è omicidio. Ma la giustizia italiana ha già fatto il suo corso.

Per la Procura di Brindisi è ragionevole ritenere che si sia trattato di omicidio e che Palmina Martinelli non si sia quindi data alle fiamme da sola. Ma non si può più riaprire il caso

Ad oggi Enrico Bernardi e Giovanni Costantini, entrambi imputati per la morte di Palmina Martinelli, la quattordicenne fasanese arsa viva nel Novembre del 1983 perché intendeva sottrarsi ad un giro di prostituzione gestito in paese, non sono più processabili. Poiché entrambi assolti con formula piena fino al terzo ed ultimo grado di giudizio, il principio
Continua a leggere

LA PASSIONE DI MARINO

Sfiduciato Ignazio Marino, Roma verso il commissariamento

<<Fermi tutti. Ritiro le mie dimissioni>>. La frase che nei giorni scorsi ha probabilmente riecheggiato più volte e con vigore tra le mura fredde del Campidoglio, l’atteso ripensamento di un sindaco ormai al tramonto della sua Ingloriosa Era, dev’essere sembrata ai suoi fedeli ed oppositori, più che altro una minaccia o un macabro scherzo, l’ultimo
Continua a leggere

SCRIVERE DI MAFIA: INTERVISTA AL GIORNALISTA PAOLO BORROMETI.

Minacce e intimidazioni al giornalista che denuncia la mafia del ragusano, nel comune di Montalbano.

Lui deve morire. Hanno deciso così. E glielo hanno fatto sapere in tutti i modi, perché è gente che certe cose non le perdona. Per esempio, non perdonano chi scrive su un giornale di come riescono ad infiltrarsi nella gestione di appalti, rifiuti e propaganda elettorale in un comune qualsiasi della provincia ragusana, da sempre
Continua a leggere

LUNGOMAFIA OSTIA BEACH: L’ULTIMO INDIRIZZO DI MAFIA CAPITALE

Lungomafia Ostia beach. Io lo chiamo cosí, il nuovo filone d’inchiesta che negli ultimi giorni pare agganciarsi con sconcertante prepotenza ai fatti dell’ormai arcinota cricca d’affaire capitolino, Mafia Capitale: una fitta maglia di relazioni intrisa di malaffare e criminalità che tra i suoi capi e promotori annovera, senza neanche troppa vergogna, i nomi di noti
Continua a leggere

IL NEPAL SI SGRETOLA

Sale nella giornata di oggi a circa 4000 il bilancio delle vittime. Deceduti 22 alpini. Circa 6500 i feriti gravi ed é ancora incognita 4 speleologi italiani. Muore anche un paese ricco di culture e civiltà.

l violento sisma di magnitudo 7.8 ha tormentato la regione compresa tra Katmandu, la capitale del Nepal, e la città di Pokhara ai piedi dell’Annapurna per più di quarantotto ore, coinvolgendo così un’area intensamente abitata e provocando scosse percepite anche in regioni limitrofe dell’India, del Tibet e del Bangladesh. La seconda scossa di terremoto, di
Continua a leggere

GERMANWINGS: QUANDO UN COPILOTA DECIDE DI SUICIDARSI

omincia ad essere accreditata da oggi l’ipotesi del suicidio di uno dei due piloti alla guida del volo Germanwings rovinosamente abbattutosi sulle montagne dell’Alta Provenza nella tarda mattinata di mercoledì. Già da questa mattina in conferenza stampa, il procuratore di Marsiglia Brice Robin confermava la notizia diffusasi su alcuni quotidiani anglo-americani: il copilota dell’Airbus 320,
Continua a leggere

CRONACA DI UN DISASTRO: QUELL’AEREO INECCEPIBILE DELLA GERMANWINGS

Sono proseguite per tutta la giornata di oggi le ricerche dei resti dell’Airbus A320 di compagnia low cost Germanwings della Lufthansa, l’aereo che si è schiantato contro le Alpi della regione di Digne-Les-Bains in Alta Provenza nella tarda mattinata di ieri. Già a poche ore dall’incidente un agghiacciante notizia corolla le immagini trasmesse sui televisori
Continua a leggere

“Balla coi Lupi”. Tutti gli uomini del sistema Incalza-Perotti

Stavolta la vicenda ha superato ampiamente il romanzo di Michael Blake, trasposto negli anni 90′ nell’omonimo film con Kevin Costner e vincitore di svariati premi oscar. Stavolta come protagonisti dell’intricata scena investigativa, condotta con impietosa dovizia dai magistrati di Firenze, ci sono due soggetti. Il primo è difficile non conoscerlo. Il viso da innocente ragazzone
Continua a leggere

SCHIAVONE E LA TERRA DEI FUOCHI: LA CAMORRA SAPEVA, MA LA POLITICA ANCHE.

armine Schiavone, il pentito della camorra, sarebbe deceduto per morte naturale. La notizia risale a poche settimane fa. La sua parentela per parte di madre e affiliazione alla mafia palermitana di Cosa Nostra, seguite dal successivo inserimento nella “parte amministrativa del clan dei casalesi e non in quella militare” come lui stesso specificò poi nel
Continua a leggere

Docsity puntocom: la nuova casa degli studenti 2.0

utti noi almeno una volta nella vita abbiamo sentito parlare, con toni più o meno catastrofici o progressisti, della ormai prossima morte dell’era del libro e dell’avanzare di una società dove i pc, i tablet, ed ogni altro loro simile, saranno gli unici e più accreditati supporti di lettura. Dalla scuola dell’obbligo all’università, dagli uffici alle
Continua a leggere

ROMA-FEYENOORD: SCONTRI NEL CENTRO STORICO, DANNEGGIATA LA FONTANA DEL BERNINI.

Appena cominciata la partita di calcio Roma-Feyenoord, la calma silenziosa che sovrasta il piazzale di fronte allo stadio Olimpico della Capitale porta con sé un che di agghiacciante e misterioso. Basta infatti aguzzare di poco la vista per notare le forze dell’ordine che, dispiegate tutto intorno alla struttura, si preparano in tenuta anti-sommossa ad affrontare
Continua a leggere

SCRIVERE DI MAFIA: INTERVISTA A LUCIO MUSOLINO DE “IL FATTO QUOTIDIANO”

er una volta non parliamo di Saviano. E non parliamo nemmeno di Camorra. Perché come diverse sono le mafie, diversi sono i giornalisti che ne scrivono. Senza nulla togliere a Roberto Saviano, chiaramente. Ma senza nemmeno nulla togliere a tutti i giornalisti italiani che trattando di Mafia, Camorra, ‘Ndrangheta e piccole o grandi organizzazioni criminali sanno quanto “stare sul
Continua a leggere

Dalla Siria di Assad al califfato iraqueno

Intervista alla docente Antonella Fucecchi

La Siria del regime di Asad è forse la vera grande dimenticata del nostro secolo. O almeno lo era. Le disperate grida di rivolta del suo popolo sono giunte troppo tardi alle orecchie di una sorda comunità internazionale perché questa timida e pacifica primavera araba sfociasse in una reale riappropriazione dei diritti fondamentali dell’essere umano
Continua a leggere