Contatti

Viale Romania, 32 - 00196 Roma - Italy

Sentiti libero di contattarci!

“Oh guarda ti hanno fatto il ritratto!”. Per tutti quelli che hanno intenzione di sfruttare questo tipo di battuta ci sono brutte notizie: all’Ara Pacis non troverete il solito Picasso.
In effetti è fin troppo facile associare l’originalissimo pittore a una donna che ha due nasi o che ha gli occhi al posto del seno. Questa volta però, oltre ai “classici” dipinti troverete un Picasso del tutto inedito. Se pensate che posare per le riviste patinate sia una cosa che succeda soltanto alle star di oggi vi sbagliate di grosso. E se pensate che le persone si siano avvicinate al mondo della fotografia soltanto per aggiornare il proprio profilo Instagram, indovinate un po’? Vi state sbagliando anche questa volta. Anche Picasso non ne fu immune. Il pittore, infatti, si avvicinò molto alla fotografia nel corso della sua vita e arrivò addirittura a posare per il Paris Match. Si avvalse di numerose collaborazioni, tra cui possiamo individuare Brassaï, Robert Capa ed Edward Quinn. E tutto questo lo potrete ritrovare nella mostra inaugurata il 13 Ottobre, all’Ara Pacis, e che terminerà il 19 Febbraio.

L’esposizione è costituita da moltissime fotografie che vedono lo stravagante pittore come protagonista: così potrete osservare foto in cui posa con un teschio di bovino in spiaggia, oppure mentre accompagna la sua amata Dora Maar coperta da un ombrello gigantesco o ancora mentre posa nel suo studio.

http://www.ladyblitz.it/wp-content/uploads/2012/06/3-Lombrello-di-Picasso-e1340027643574.jpg

Ma non solo: a Picasso piaceva stare anche dietro l’obiettivo. In particolare, alla mostra potrete ammirare delle fotografie realizzate dal pittore stesso che quasi si trasformano in dipinti, attraverso l’intervento che praticava con le sue mani sulle stampe fotografiche.  Immancabili, anche se in minoranza, i dipinti che contraddistinguono il pittore, tra cui “Nu de femme dans un jardin” e una serie intera che mostra la realizzazione dellaGuernica”.

Infine un ultimo consiglio: al termine della mostra potrete approfittare dei numerosissimi locali che ci sono in zona, in particolare di “Gusto”. Il locale offre diverse formule: da un ricco aperitivo per chi ha voglia di un boccone al volo ad una comoda cena in un locale dallo stile particolare e che può vantare dei cocktail davvero originali e a buon prezzo. Insomma, non resta altro che prendersi un pomeriggio libero per assaporare l’arte (in tutti i sensi).

Share:

editor

Caporedattore Lifestyle Web per l'A.A. 2017/2018