Contatti

Viale Romania, 32 - 00196 Roma - Italy

Sentiti libero di contattarci!

Danilo Calonego e Bruno Cacace furono sequestrati il 19 settembre a Ghat da un gruppo fuorilegge 

Sono appena tornati i nostri connazionali e subito sono stati sentiti dai magistrati per chiarire le modalità del loro rapimento. Dalle prime indiscrezioni si sarebbe trattato di un semplice errore. Infatti, avendo finito i lavori in cantiere, il gruppo criminale si sarebbe buttato sulla macchina dei due funzionari pensando di trovare grandi somme di denaro. Dai racconti dei due italiani si può escludere la pista del fanatismo religioso che, durante il corso delle trattative, aveva profondamente preoccupato la Farnesina. Appena liberati, hanno subito comunicato di non aver subito violenze e di aver trascorso l’intera prigionia insieme. Un terzo ostaggio, di origine canadese, è stato tratto in salvo e subito il governo di Ottawa ha ringraziato l’Italia per l’impegno e serietà con cui si è affrontato il delicato caso.

I due dipendenti della Con.I.Cons sono purtroppo gli ultimi di una lunga serie di italiani che negli ultimi 12 anni sono stati rapiti all’estero:

  • 2004,IRAQ – Vengono sequestrati Fabrizio Quattrocchi, Umberto Cupertino, Maurizio Agliana e Salvatore Stefio. Il primo viene ucciso e filmato con una videocamera. Nello straziante video, parlando al suo carnefice, afferma: “Vi faccio vedere come muore un italiano”.
  • 2004,IRAQ – Vengono rapiti il freelance Enzo Baldoni, Simona Torretta e Simona Pari. Le due donne vengono liberate dopo 19 giorni di prigionia mentre il giornalista viene ucciso subito dopo il sequestro
  • 2005,IRAQ – La giornalista del Manifesto, Giuliana Sgrena, viene rapita da un gruppo estremista. A seguito di un’operazione segreta, l’agente del Sismi Nicola Calipari riesce a portare in salvo la donna, ma ad un checkpoint americano,un agente Usa spara contro l’auto su cui viaggia la giornalista: Calipari muore sul colpo.
  • 2007, AFGHANISTAN – Il giornalista Daniele Mastrogiacomo viene rapito dai talebani e in seguito liberato. “Era mio dovere assoluto di salvargli la vita. Anche se fosse esistita una norma per cui non si deve trattare, io, di fronte alla moglie e al fratello, credo che avrei trattato.” (Romano Prodi, allora Presidente del Consiglio) 
  • 2009, MALI – I coniugi Sergio Cicala e Philomene Kabouré vengono rapiti da un gruppo affiliato ad Al Qaeda. Dopo una prigionia durata 4 mesi vengono liberati
  • 2011, LIBIA – Vengono sequestrati Elisabetta Rosaspina, Giuseppe Sarcina, Claudio Monici e Domenico Quirico. Per quest’ultimo questo è il primo rapimento.
  • 2011, SOMALIA – Due navi italiane, la Savina Caylyn e la Rosalia D’amato, vengono catturate dai pirati somali che assieme alle imbarcazioni sequestrano anche i due equipaggi.
  • 2011, SUDAN – Viene liberato dopo 124 giorni il cooperante di Emergency Francesco Azzarà
  • 2011, TANZANIA – Un velista, Bruno Pellizzari, viene sequestrato al largo delle coste della Tanzania con la fidanzata sudafricana. I due vengono liberati dopo più di un anno a seguito di un blitz della polizia somala
  • 2011, ALGERIA – Vengono rapite da un gruppo di fanatici religiosi la turista Sandra Mariani e la cooperante Rossella Urru. Entrambe sono state liberate nel 2012
  • 2011, NIGERIA – L’ingegnere Franco Lamolinara viene sequestrato dagli jihadisti. Il suo rapimento termina nel sangue a seguito di un blitz britannico con lo scopo di liberare il cittadino inglese rapito con il nostro connazionale
  • 2012, PAKISTAN – Il cooperante Giovanni Lo Porto viene sequestrato mentre lavora ad un ong tedesca. L’italiano muore tre anni dopo sotto un raid della Cia. Il presidente Barack Obama si scusa pubblicamente per l’accaduto
  • 2013, SIRIA – Il giornalista Domenico Quirico viene sequestrato per la seconda volta
  • 2013, SIRIA – Il gesuita padre Paolo Dall’Oglio scompare nei pressi di Raqqa dove lavorava come mediatore per la liberazione di alcuni ostaggi. Di lui non si ha alcuna notizia
  • 2014, LIBIA – Vengono sequestrati 3 tecnici italiani: Marco Vallisa, Gianluca Salviato e Ignazio Scaravilli.
  • 2014, SIRIA – Le due volontarie Greta Ramelli e Vanessa Marzuolo vengono rapite nel nord della Siria e vengono liberate nel 2015. Questo rapimento ha spaccato l’opinione pubblica italiana a causa di un presunto riscatto pagato dal governo italiano per la liberazione delle due attiviste.
  • 2015, FILIPPINE – Viene catturato il 56enne Rolando Del Torchio in uno dei suoi ristoranti. Viene liberato nel 2016
  • 2015, LIBIA – Vengono rapiti, vicino Tripoli, quattro tecnici dell’azienda Bonatti: Fausto Piano, Salvatore Failla, Gino Pollicardo e Filippo Calcagno. I primi due vengono uccisi durante un confitto a fuoco mentre gli altri due vengono liberati pochi giorni dopo
  • 2016, EGITTO – Il ricercatore italiani Giulio Regeni viene sequestrato, brutalmente torturato e infine gettato in mezzo ad una strada sterrata isolata. Sul suo caso rimangono numerosi punti interrogativi che però faticano a trovare risposta a causa della superficiale cooperazione del governo egiziano
Share:

contributor