Contatti

Viale Romania, 32 - 00196 Roma - Italy

Sentiti libero di contattarci!

Sassuolo – Inter: 0-3

Il Sassuolo sicuramente non è il Real Madrid, ma certo è che l’Inter la partita l’ha dominata: primi su ogni palla, ogni tiro poteva trasformarsi in gol e un Gagliardini ritrovato. Quello che serviva alla squadra di Conte in questo periodo travagliato erano certezze e a Reggio Emilia sono arrivate. Senza Lukaku soprattutto, che ha giocato solo gli undici minuti finali. La rivoluzione, però, è stata soprattutto nella posizione degli interpreti tra cui Gagliardini mezz’ala a sinistra, Vidal mezz’ala a destra e Barella unico trequartista dietro alle due punte Sanchez e Martinez. Conte finalmente ne ha azzeccata una.

Benevento – Juventus: 1-1

La Juventus non riesce a vincerne due di fila. Letizia, con un gran gol in diagonale al volo, ferma i bianconeri sull’1-1. CR7 inizialmente serviva alla squadra Torinese per colmare il gap con le altre big d’Europa, ma ora è diventato essenziale. Primo punto contro la Juventus per la squadra beneventana. La squadra allenata da Andrea Pirlo, però, ha lasciato già 4 punti per strada contro le neopromosse. Urge una soluzione.

Atalanta – Hellas Verona: 0-2

Dopo aver espugnato Anfield (il Liverpool non perdeva in casa da 63 partite), la Dea non riesce a trovare continuità di risultati: perde – e male – contro un Verona già decimato dagli infortuni che perde pezzi anche durante la partita (infortunati a partita in corso Ceccherini e Lovato). Juric batte il maestro Gasperini finalmente, partita perfetta, sacrificio e contropiedi perfetti. Atalanta che attacca molto, ma non arriva mai vicina al gol. La testa probabilmente è alla partita con il Midtjylland, che determinerà il passaggio del turno di Champions League.

Lazio – Udinese: 1-3

Non c’è nulla di buono nella partita della Lazio. Inzaghi sbaglia la formazione che nel primo tempo viene surclassata dalla compagine di Gotti. Nel secondo tempo, Inzaghi mette in campo Leiva e Marusic, nel tentativo di recuperare la partita, ma si sbilancia troppo e prende il terzo gol da Forestieri ( l’ultimo gol di Forestieri in Serie A veniva registrato 12 anni fa). Unica magra consolazione il gol di Immobile, che supera Signori nella classifica alltime in Serie A con la maglia della Lazio. Ora Testa al Dortmund per i ragazzi di Inzaghi.

Bologna – Crotone: 1-0

Partita non bellissima che si conclude con il gol di Soriano, che di testa a un metro dalla porta “ruba” il gol al compagno Palacio. SOS Crotone, ultimo a 2 punti, che inizia a rivivere gli incubi del 2018.

Milan-Fiorentina:2-0

Ibra o non Ibra i rossoneri sono uno schiaccia sassi. Vittoria con molta tranquillità, senza dare mai la possibilità alla Fiorentina di recuperare: addirittura, rischia il 3-0, ma Kessie sbaglia il rigore. E’ rebus sul rigorista. In crescita Tonali, che oggi ha fatto in parte vedere quello che ha fatto di buono la scorsa stagione con il Brescia. Fiorentina in caduta libera (3 sconfitte e 1 pareggio nelle ultime 4 partite). Milan lanciato verso il titolo di campione d’inverno.  

Cagliari – Spezia: 2-2

Cagliari sfortunato, va in svantaggio nel primo tempo, recupera e addirittura va in vantaggio nel secondo. Lo Spezia pareggia al 94’ su rigore. Cagliari e Spezia a un punto di distanza in classifica, buon inizio di campionato per gli spezini. Non delude le aspettative la squadra Sarda.

Napoli – Roma: 4-0

Nel nome di Maradona mi viene da dire. Nella settimana in cui Conti è venuto a portare una corona di fiori sotto al murales di Maradona ai quartieri spagnoli, si gioca la partita che qualche anno prima vedeva i due campioni avversari si, ma nemici mai. Il Napoli passa in vantaggio e Insigne, autore del gol su punizione, mostra una maglia con il nome del “Genio del futbol”. Raddoppia Fabian Ruiz, gran contropiede del Napoli, tiro da fuori raso terra sul primo palo, proprio nel momento in cui la Roma stava facendo la partita. Mertens, in chiusura di gara, arrotonda il risultato. Pochi minuti dopo, Politano dribbla mezza Roma e firma il 4-0 finale: grandissimo Napoli. Seconda sconfitta in campionato della Roma, la prima sul campo. La più brutta partita del campionato: un Dzeko opaco, Pedro non punge, Mkhitaryan evanescente. Il Napoli vola nel nome di Maradona.

Classifica Serie A

  1. Milan 23
  2. Inter 18
  3. Sassuolo 18
  4. Juventus 17
  5. Napoli 17
  6. Roma 17
  7. Hellas Verona 15
  8. Atalanta 14
  9. Lazio 14
  10. Bologna 12
  11. Cagliari 11
  12. Sampdoria 10
  13. Udinese 10
  14. Spezia 10
  15. Benevento 10
  16. Fiorentina 8
  17. Parma 8
  18. Torino 5
  19. Genoa 5
  20. Crotone 2
Share: