Gli spot di Natale che commuovono gli Inglesi

#Christmasissharing so do it! La Rubrica Natalizia targata Lifestyle che vi accompagnerà durante tutte le Feste

Finalmente siamo a Dicembre e mancano pochissimi giorni al Natale. In Italia le prime avvisaglie si erano già viste ad Ottobre, quando i supermercati hanno iniziato a mettere sugli scaffali i panettoni e i calendari dell’avvento, i negozi hanno apposto qualche decorazione sulle vetrine e sulle strade principali sono stati tirati su fili di lucine colorate. Ma l’Italia non è stata l’unica a portarsi avanti.
Dopo Halloween, molti paesi Europei hanno iniziato a mettere in moto la festosa macchina natalizia. Già agli inizi di Novembre, l’Inghilterra ha lanciato su tutto il territorio nazionale e sul web gli spot natalizi dei department store, da molti considerati un vero e proprio evento. I department store (grandi magazzini, ndr) rivestono un ruolo fondamente nell’economia inglese, specialmente sotto le feste, in cui ogni anno si contendono le attenzioni del pubblico proprio a suon di spot televisi. Le pubblicità natalizie che riescono ad emozionare maggiormente il pubblico sono, infatti, quelle più condivise e che poi genereranno più vendite.

Tra i più visti tra quelli pubblicati, ricordiamo gli spot di Sainsbury’s e John Lewis, entrambi commuoventi e con toni che, seppur differenti, affrontano i temi tipici del natale della condivisione e dell’amore verso il prossimo. Sainsbury’s punta il tutto per tutto sulla prima guerra mondiale, tema molto popolare nel territorio inglese in occasione del centenario, per promuovere la sua iniziativa di Natale che prevede la vendita di tavolette di cioccolata, il cui ricavato andrà all’associazione dei veterani di guerra britannici (Royal British Legion).

Lo spot è una celebrazione della famosa tregua di Natale del 1914. I due eserciti affrontano coraggiosamente il gelo in trincea mentre vengono distribuite lettere ai soldati da parte dei familiari. Poi un canto, il celebre Astro del Ciel, si diffonde sul campo di battaglia, cantato in entrambe le versioni tedesca ed inglese. La mattina successiva si apre un armistizio spontaneo, una piccola parentesi di amore e fratellanza in una guerra orribile, in cui i soldati delle due fazioni si ritrovano a chiaccherare e giocare a calcio insieme. Poi lo scabbio di giubbe tra un inglese e un tedesco, con il tedesco che scopre nella sua giubba un regalo: una tavoletta di cioccolata. La pubblicità si chiude con un claim finale “Christmas is For Sharing” (Il Natale è Condivisione).

Strategia diversa, invece, quella perseguita da John Lewis. Lo spot di quest’anno racconta in appena due minuti e sulle note di Real Love di John Lennon, la storia di un bambino di 7 anni, Sam, e del suo pinguino Monty. I due sono inseparabili e da sempre condividono tutto, giochi, passeggiate, cibo. Ma poco a poco, Sam realizza che Monty sente la mancanza di qualcuno simile a lui. E’ così che, il giorno di Natale, Sam fa trovare a Monty, sotto l’albero, un compagno pinguino di nome Mabel.

Craig Inglis, direttore marketing della catena John Lewis, ha commentato: “Noi della John Lewis, in questo periodo dell’anno facciamo di tutto per aiutare i nostri clienti a creare il loro sogno di Natale. Ci auguriamo che questo racconto dell’amore che Sam ha per il suo amico Monty riuscirà a ricordare alla gente la magia del Natale vista attraverso gli occhi di un bambino e che questo sia di ispirazione per pensare a come le feste possono essere rese più speciali per i loro amici e le persone care”.
Lo spot è costato più di un milione di euro, spesi soprattutto per la realizzazione dei movimenti di Monty, riprodotti con la tecnica CGI della casa di post-produzione britannica MPC. Ma nonostante il costo, il pinguino di John Lewis ha generato una serie pazzesca di attività collaterali che vanno dalle app in partnership con Samsung, ai pigiami ispirati proprio a Monty.

Nonostante le sostanziali differenze tra i due spot, essi risultano essere entrambi commuoventi e coinvolgenti, e centrano pienamente lo spirito natalizio che vorremmo vedere nel mondo.
Gli spot natalizi, acclamatissimi dalle critiche di tutto il mondo, stanno diventando veri e propri gioiellini cinematografici, attesi dal pubblico inglese che ormai li considera una tradizione natalizia nella propria cultura.